Archivio mensile:aprile 2013

All you need is…..Liverpool!

liv

Para conocer Liverpool os recomiendo que olvidéis cualquier tipo de información que os hayan dado con antelación. Simplemente haced un reset y tened muchas ganas de conocer una ciudad que encandila por su beatlemania en cada rincón de sus calles o el carácter alegre de su gente, ellos mismos se autodenominan scousers por su peculiar acento, su loca afición al fútbol y sus infinitas ganas de saborear una cerveza en sus míticos pubs. En apenas una década, Liverpool ha sabido transformar y remodelar todos sus espacios para convertirse en una ciudad cosmopolita y enérgica, llena de contraste. No es de extrañar que se convirtiera en la capital Europea de la cultura en 2008 y su zona portuaria fuera declarada Patrimonio de la Humanidad por la UNESCO en 2004. Iniciamos el recorrido por el barrio del frente marítimo (Waterfront), sin duda el orgullo de sus habitantes por su rico pasado marítimo. En tiempos imperiales de los ingleses, el Albert Dock fue el crisol de los intercambios comerciales con el resto del mundo y flujo continuo de diferentes culturas. Posee una serie de edificios datados de finales del siglo XIX y fue construido con ladrillo, piedra y hierro. Concretamente esta zona tiene algunos de los atractivos principales de la ciudad. Tres de sus principales museos (todos gratuitos): Tate Liverpool, dedicado al arte contemporáneo, Maritime Museum, que explica toda la historia marítima de la ciudad y el International Slavery Museum, dedicado a la esclavitud. Muy cerca se encuentra el Centro de Convenciones Arena y la Echo Wheel of Liverpool, una espectacular noria donde se puede tener una estupenda vista de la ciudad. En la zona norte, concretamente en la zona costera de Pier Head, encontramos edificios emblematicos como Royal Liver Building, construido por Walter Aubrey Thomas a principio del siglo XX, y fue el edificio más alto hasta 1965. Destacan sus dos torres relojes que están coronados por los Liver Birds, dos aves mitológicas que son el simbolo de la ciudad. Junto a este podemos ver otros dos edificios que se construyeron en la misma época: Cunard Building y el Port of Liverpool Building. A escasos metros, encontramos el Museum of Liverpool, un museo interactivo recién inaugurado, dieseñado para que disfrute toda la familia, donde se explica la historia de la divertida gente de Liverpool, desde la prehistoria hasta los iconos culturales más seguidos del pasado siglo. Merece la pena ver el skyline desde el waterfront o cogiendo algunos de los barcos que salen desde la terminal del ferry.
Quizá sea su proximidad a Irlanda lo que hace que el carácter de los liverpudians sea tan abierto y alegre. Lo cierto es que Liverpool es un hervidero de actividad nocturna con sus pubs y clubes para todos los gustos. Si queremos salir a tomar algo, ya sea una cerveza o un cóctel, lo podemos hacer en los barrios de Liverpool One y Cavern Quarter. En este último encontramos Mathew Street, más conocida como la calle de los Beatles. No solamente porque en esta calle encontramos The Cavern Club el mítico local (ahora reformado) donde la famos banda tocaba en los años sesenta, sino porque también se encuentra la tienda oficial y numerosas cafeterías y bares dedicados a la banda. Este barrio también alberga la torre más alta y visible desde cualquier punto de la ciudad, Radio City Tower, que es la estación de radio de Liverpool y retransmite música pop y dance desde el 1974. Si queremos pasar unas horas de shopping, junto a estos barrios hay que añadirle el barrio de St. George Quarter, zona donde encontraremos edificios emblemáticos como St George Hall, un imperioso edificio neoclásico que, aunque está reformado recientemente, fue construido en el año 1854 y es el museo de Historia y sede para festivales. Justo enfrente, encontramos el Empire Theatre, uno de lo más grandes que posee la ciudad. A escasos metros también encontramos los museos World Museum Liverpool y el Walter Art Gallery, con obras de Rembrandt, Poussin, Degas, Picasso o Gaugin, imprescindibles para los amantes del arte.
A los scousers les apasiona el deporte. Aunque la ciudad es famosa por los torneos de golf, rugby o carreras de caballos, lo que verdaderamente les apasiona y siguen como una religión es el fútbol. Los habitantes sienten pasión por dos equipos que están en primera división de la Premier y tienen la peculiaridad que ambos estadios se encuentran uno la lado del otro el en barrio obrero de Anfield, alejado del centro de la ciudad. Los seguidores azueles pertenecen al Everton FC mientras que los rojos son forofos del Liverpool FC. Este último, posee uno de los campos más visitados: el Anfield Stadium. Por supuesto se puede hacer un tour donde se puede ver el museo que explica su historia (tiene expuestos sus 18 titulos de liga y las cinco copas de la Champions), la sala de prensa, el vestuario y el campo.

Annunci

20.04.13 Barcelona v Levante

Cesc-deshace-Levante-Barca-Munich_TINIMA20130420_0643_18

Non avevo molta voglia di dedicare un post a questa partita atroce, peró credo che faccia parte della memoria storica delle partite che ho visto dal vivo e volevo lasciare un piccolo ricordo. Partita agghiacciante, una delle piú brutte che ho visto in tutta la mia vita, condita dal silenzio spettrale del Camp Nou. Nessuna emozione, nessun tiro, gioco lento e macchinoso all’inverosimile. La Liga é senza dubbio il peggior campionato d’Europa, credo che il campionato albanese offra piú spunti d’interesse. Ci sono voluti 82 minuti per vedere un goal (Fabregas) e una vittoria assolutamente immeritata degli uomini di casa…tra la noia e il silenzio quasi mi addormento…

Influential people: Reshma Saujani

alg-reshma-saujani-jpg

Reshma Saujani is working to close the gender gap in technology and science education. As the founder of Girls Who Code, Saujani empowers high school girls to pursue tech and engineering careers by teaching then Internet related software development. So far, Girls Who Code has reached all five boroughs of New York City; this year, it expands to Detroit, San Francisco and San Jose, California. The gender gap is a national economic and security issue, given the great need in the U.S. to fill computer specialist jobs with talented young people. Via Girls Who Code and her public advocacy, Saujani is really getting stuff done.

Influential people: Ernest Bai Koroma

Outstanding-leadership-President-Ernest-Bai-Koroma

Ernest Bai Koroma is the president of Sierra Leone. It takes tremendous influence to steer the transformation of a country emerging from an extremely brutal conflict into a model of democracy and economic growth. Koroma has rallied his people and his nation’s external partners behind a vision to turn around his country, which just seven years ago was seen as a failed state. In November’s elections, he comfortably secured a second mandate to continue his fight against corruption and build on his success in promoting peace, democracy and transparency. He is one of the African leaders to watch this decade.

Influential people: Jane Aronson

20130418-202423.jpg

Jane Aronson is the founder of Worldwide Orphans Foundation (WWO). Do you think every child deserves to be loved? Fed? Held? Given clean clothes and a safe place to sleep? I bet you do. So does Jane Aronson. With her army of Orphan Rangers, she has basically created an orphan Peace Corps. WWO was the first NGO to serve HIV-positive orphans in Ethiopia and Vietnam and has established programs in five countries, most recently in Haiti. She fights for those who are often forgotten, the weakest who have no one else fighting for them.

Conosciamoli bene….Cialtroni dal 1893!

fu1gsn

Il riconoscimento di prima squadra di calcio italiana, nel senso di più antica, è una questione che ha dato luogo a controversie. Le discussioni sono dovute al fatto che molte squadre protagoniste degli albori del football moderno – nel paese che vanta diverse versioni antiche del gioco con il pallone (vedi calcio fiorentino) – nacquero come sezioni calcistiche di società polisportive che prevedevano sezioni differenti per le diverse discipline praticate, che andavano dall’atletica leggera (erano gli anni dei primi Giochi olimpici moderni ideati da Pierre De Coubertin), alla ginnastica, al polo, al cricket, o all’interno di esse prima dell’istituzione della sezione.
I primi tornei di calcio, infatti, in cui si giocava una versione del football (comunemente denominata calcio ginnastico) poco dissimile da quella praticata nel Regno Unito, furono i Tornei della FGNI, federazione di ginnastica (e non un organo prettamente calcistico) che solo dal 6 maggio 1903 (con la nuova denominazione FGI) adottò in via definitiva le regole stabilite dall’International Football Association Board (IFAB). Le origini ginniche di questi tornei affondavano le radici nelle città di Rovigo, dove la Società Rodigina di Ginnastica Unione e Forza iniziò a promulgare, il 28 aprile 1893 nella figura del Maestro Francesco Gabrielli, il gioco del calcio, e di Treviso, dove ebbe luogo la prima edizione dei tornei, nell’ambito del Concorso Interprovinciale Ginnastico del 1896. Sebbene la succitata competizione trevigiana sia stata la prima manifestazione calcistica italiana ed i tornei indetti dalla FGNI siano divenuti, a partire dal 1901, campionati nazionali ufficiali a tutti gli effetti, la FIGC (all’epoca FIF), fondata il 16 marzo 1898, si limita a riconoscere nei propri albi d’oro solo i tornei da essa organizzati (il primo di questi fu il Campionato Federale, disputatosi il giorno 8 maggio 1898 al Velodromo Umberto I di Torino), nonché i tre tornei di Prima, Seconda e Terza Divisione istituiti dalla Confederazione Calcistica Italiana (CCI). Va, comunque, precisato che la stessa FIF, la quale adottò fin dall’inizio le regole britanniche complete, aderì ufficialmente all’IFAB soltanto dal 1904, quando la neonata FIFA divenne membro dell’organismo. Per tale motivo l’intera iniziale attività calcistica italiana si sviluppò, tecnicamente, al di fuori dell’International Football Association Board, come del resto quella di tutto il mondo ad eccezione delle Isole britanniche, elemento che consentiva e giustificava de facto l’autonomia regolamentare della FIF e della FGNI. Tali ed altre considerazioni, come la constatazione che alcuni gruppi di atleti praticavano, in squadra, la disciplina del football in maniera episodica, sotto denominazioni di club non ancora costituiti, hanno contribuito a rendere difficile una immediata ed inequivocabile ricostruzione storica per individuare quale sia stata la prima squadra di calcio italiana. Il diritto di primogenitura nel calcio italiano è da sempre rivendicato dal Genoa, fondato ufficialmente nel 1893 ma in qualche modo attivo senza crismi di ufficialità già dal 1890, come risulterebbe dall’utilizzo del campo da gioco ceduto in comodato ai futuri genoani da due industriali scozzesi le cui aziende operavano nel capoluogo ligure – Wilson e McLaren – a Sampierdarena. Di certo il Genoa è la più antica società italiana tuttora praticante il football, nonché l’unica a poter attualmente suffragare la propria tesi con documenti originali che ne certificano l’anno di fondazione (era un caso tipico del “calcio dei consolati”, nato per volere delle autorità diplomatiche genovesi). Il documento in questione attesta l’avvenuta fondazione del Genoa Cricket and Athletic Club il giorno 7 settembre 1893. Si tratta di un libro mastro a partita doppia recante la firma del Console inglese a Genova, Sir Charles Alfred Payton. Il documento è rimasto fino al 2004 nelle mani degli eredi del giornalista e scrittore Gianni Brera, a cui venne dato dall’ex segretario del Genoa Toso. Nel 2004, in occasione della Mostra Pallamondo svoltasi nell’ambito delle celebrazioni per Genova capitale europea della cultura per il 2004, l’originale del documento è stato riconsegnato alla società del Genoa che ora lo espone nel Museo della storia del Genoa nella sede della Fondazione Genoa 1893, assieme ad altri documenti ufficiali, cimeli, magliette ed il pallone originale della finale del primo campionato. Il primato del Genoa – nato come Genoa Cricket and Athletic Club nel 1893 e dedito al cricket, nonché (secondariamente e riservato ai residenti inglesi nella città ligure) al football, divenuto poi il 2 gennaio 1899 Genoa Cricket and Football Club – è stato messo in discussione soprattutto da chi ha sostenuto un diritto di primogenitura piemontese, rivendicando in particolare il fatto che le più antiche squadre di calcio siano state torinesi.
Le squadre piemontesi
La prima formazione dello Sport-Club Juventus nel 1898. Sotto il profilo riguardante la discussione non vanno tanto considerati la Reale Società Ginnastica Torino, fondata nel 1844, ma che istituì la sezione calcistica solo nel 1897, né il Football Club Torinese, nato nel 1894 e di cui Herbert Kilpin, nelle sue memorie, dà conto abbia disputato una partita nel settembre 1891,[5][6] bensì il Football & Cricket Club, che vanta la costituzione nell’anno 1887 ad opera di Edoardo Bosio, e che, fondendosi con il Nobili Torino, club sorto nel 1889 per volontà del principe Luigi Amedeo di Savoia-Aosta e del marchese Alfonso Ferrero di Ventimiglia, dette vita all’Internazionale Torino nel 1891. Sempre nel capoluogo del Piemonte, nel 1894 si formò il Football Club Torinese, seguito nel 1897 dallo Sport-Club Juventus (divenuto Foot-Ball Club Juventus nel 1899) e nei primi del Novecento dalla Cavour, compagine degli studenti dell’omonimo liceo costituito nel 1865. Al di fuori di Torino, invece, la Società Ginnastica Pro Vercelli nacque nel 1892, ma la sezione dedicata al calcio fu istituita nel 1903, mentre la Società Ginnastica Pietro Micca di Biella, sorta con la denominazione Società Ginnastica Biellese nel 1899, iniziò a dedicarsi ufficialmente al football tre anni dopo la sua fondazione. Altri sodalizi praticanti il calcio, ma esclusivamente in ambito ginnico, furono la Ginnastica Pro Novara, nata nel 1881 come “Società Ginnastica e Scherma Novara”, la Società Ginnastica Forza e Virtù, costituitasi a Novi Ligure nel 1892, l’Unione Pro Sport Alessandria, fondata nel 1896 (sebbene alcune testimonianze narrino che già nel 1891 il nuovo sport fu presentato dal sudetto Bosio agli alessandrini, e che nel 1894 si tenne una partita fra una rappresentativa locale ed il Genoa), e la San Filippo Neri di Tortona, d’incerta datazione. Al 1898, infine, risale la notizia circa un incontro di football disputatosi a Cuneo tra formazioni di ginnastica.
Le altre squadre liguri
A rappresentare la Liguria, all’epoca, concorsero anche la Società Ginnastica Andrea Doria, fondata a Genova nel 1895, con la sezione calcistica istituita nel 1900, e due club del quartiere genovese di Sampierdarena (che in quel periodo non era stato ancora assorbito dal capoluogo ligure): la Pro Liguria, sorta nel 1897, e la Società Ginnastica Sampierdarenese, nata nel 1891 ma avviata ufficialmente al football, secondo fonti autorevoli, a partire dal 1899.[14][15] Analogo, inoltre, è il caso dell’Unione Sportiva Sestri Ponente 1897, con sede nell’omonimo sobborgo genovese (all’epoca Comune autonomo): il suo settore calcio, tuttavia, sorse nel secolo successivo a quello esaminato, e venne anche inglobato dalla Fratellanza Sportiva Sestrese Calcio 1919. Non istituì, invece, una sezione dedicata la Società Ginnastica Raffaele Rubattino, nata a Genova nel 1894 (fatta eccezione per quella relativa al futsal), oltre alla Società Ginnastica Nicolò Barabino, costituitasi nel 1897 a Sampierdarena.
Andando oltre il contesto della Grande Genova, troviamo la Fratellanza Ginnastica Savonese e l’Unione Sportiva San Filippo Neri di Albenga, fondate rispettivamente nel 1883 e nel 1893, le quali svilupparono la pratica del football in forma ufficiale solo nel secolo successivo a quello di nascita. La Fratellanza Ginnastica Savonese, in particolare, diede vita alla sua “sezione giochi” (il Savona Calcio) nel 1907. Sempre nel 1893, inoltre, prese vita la Ginnastica Pro Chiavari, la quale si unì temporaneamente alla Virtus Entella nel 1919.
Le squadre lombarde
Herbert Kilpin, tra i fondatori del Milan Foot-Ball and Cricket Club nel 1899.La più antica squadra di calcio lombarda fu, certamente, la Società per l’Educazione Fisica Mediolanum, fondata a Milano nel 1896 come Società Ginnastica Mediolanum, con la relativa sezione calcio (che comportò il cambio di denominazione) nata nel 1897. Seguì, nel 1898, il Foot Ball Club Casteggio 1898, prima ancora del Milan Foot-Ball and Cricket Club, fondato nel 1899. Nel frattempo, nel più ampio ambito sportivo, erano già state fondate nel capoluogo lombardo la Forza e Coraggio nel 1870 e la Pro Patria Società Ginnastica di Milano nel 1883, oltre alla Pro Italia ed ai Civici Pompieri. Nel resto della regione, invece, nacquero nel 1874, a Lodi, la Società Lodigiana di Ginnastica e Scherma, divenuta Associazione Sportiva Fanfulla nel 1908, anno in cui costituì il settore calcio denominato Associazione Calcio Fanfulla, nel 1876 la Società Ginnastica Gallaratese, che inaugurò la sezione di football nel 1909, nel 1878 la Società Ginnastica Monzese Forti e Liberi e la Società Bergamasca di Ginnastica e Scherma (quest’ultima aprì il settore calcistico nel 1913), nel 1879 la Sempre Liberi di Cassano Magnago (la cui sezione fu attiva nel secolo successivo) e la Società Ginnastica Pavese (che nel biennio 1912-1913 gestì al suo interno l’Associazione Calcio Pavia), nel 1881 la Ginnastica Pro Patria et Libertate di Busto Arsizio, e nel 1895 la Società Canottieri Lecco, che istituì il settore dedicato al calcio nel 1912. Sempre negli ultimi anni del XIX secolo, ma con dubbia datazione, avvenne infine la fondazione della Labor Sportiva di Seregno (la quale si fuse nel 1920 con il Seregno Foot Ball Club 1913) e dell’Unione Ginnastica Vogherese (che sempre nel 1920 costituì ufficialmente il suo “Gruppo Calcio”).
Le squadre venete
La già citata Società Rodigina di Ginnastica Unione e Forza, istituita a Rovigo nel 1874, iniziò a praticare il calcio nel 1893, seppure nel contesto degli sport ginnastici e non con una sezione ufficiale. Le altre polisportive del Veneto che si occuparono di football, tutte in ambito ginnico, furono il Pio Istituto Turazza, fondato nel 1857, la Società Ginnastica Velocipedistica Trevigiana ed il Vittorio Veneto (partecipanti al primo Torneo FGNI), nella sola Treviso, nonché la Società Sportiva Costantino Reyer, costituita a Venezia nel 1872, e nel 1875 la Società Ginnastica Vicentina Umberto I e la Fortitudo di Schio. Un discorso a parte va fatto per la Società Veronese di Ginnastica e Scherma, nota attualmente come Fondazione Marcantonio Bentegodi. Il club scaligero, nato nel 1868, fu infatti l’unico fra quelli citati ad istituire una sezione calcistica, nei primi anni del XX secolo.
Le squadre udinesi
In Friuli-Venezia Giulia l’unica compagine ad aver praticato il football entro il 1900 risulta essere stata la Società Udinese di Ginnastica e Scherma, fondata nel 1896 e vincitrice del concorso ginnico dello stesso anno. Al suo interno, tuttavia, la costituzione dell’Associazione Calcio Udine avvenne soltanto nel 1911.
Le squadre emiliano-romagnole
Nel 1870 ebbe origine il primo sodalizio dell’Emilia dedito al calcio, la Società di Ginnastica e Scherma del Panaro (in principio nota come “Società Dilettanti di Ginnastica”), la quale cominciò a praticare il football dal 1903, seguito nel 1871 dalla Società Sezionale di Ginnastica in Bologna (attualmente conosciuta come Società di Educazione Fisica Virtus), che però solo nel 1910 aprì una sezione dedicata, nel 1876 dalla Società Ginnastica Persicetana e nel 1879 dalla Società Ginnastica La Patria di Carpi, attiva attualmente anche con una scuola calcistica. Nel 1879, invece, nacque la prima compagine della Romagna, l’ Unione Sportiva Ravennate (il cui settore calcistico, l’attuale Società Cooperativa Ravenna Sport, nacque nel 1913), seguita dalla Palestra Ginnastica Ferrara, che si aggiudicò la vittoria del Torneo FGNI 1898 e svolse la sua attività esclusivamente nel contesto ginnico, e dall’Unione Sportiva Forti e Liberi di Forlì, la quale, fondata nel 1898, costituì la propria sezione dedicata (l’attuale Forlì Football Club) nel 1919.[31]
Le squadre fiorentine
Pietro Torrigiani, fondatore del Florence Football Club nel 1898.
Anche la Toscana vanta almeno una squadra molto antica. Il primo sodalizio calcistico, il Florence Football Club, fu infatti fondato a Firenze nel 1898, nonostante alcuni decenni prima nella stessa città fossero già nati il Club Sportivo Firenze (nel 1870, con la denominazione originaria Veloce Club Firenze) e la Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas (nel 1877). Entrambe le compagini, tuttavia, cominciarono ad occuparsi di calcio, istituendo una sezione dedicata, solo nel 1912.
Le squadre marchigiane
La prima squadra marchigiana fu la Candido Augusto Vecchi, fondata ad Ascoli Piceno nel 1898, seguita dalla Vis Sauro Pesaro, polisportiva nata nello stesso anno ma attiva nel calcio con la sezione istituita nel 1906.
Le squadre perugine
La più antica associazione di Perugia ad occuparsi del gioco del calcio sembra essere stata l’Unione Sportiva Braccio Fortebraccio, sorta nel 1890 e dedita ufficialmente al football dal 1901. Rimane comunque incerta la data di nascita di un sodalizio analogo, la Libertas, la quale operò in ambito calcistico, senza che risulti avvenuta l’istituzione di una sezione ufficiale.
Le squadre laziali
Come avvenuto a Genova, l’attività calcistica venne introdotta a Roma dagli stranieri d’oltremanica. Per la precisione, ad importare il nuovo sport furono i seminaristi dei collegi cattolici riservati agli studenti britannici. L’esordio del football all’ombra del Campidoglio va, in particolare, ascritto ai ragazzi inglesi e gallesi del Venerable English College, e risale al 1892. Nel giro di qualche anno diverse società sportive della Capitale d’Italia, tutte provenienti dall’ambito ginnico, si approcciarono alla disciplina del calcio: la Società Ginnastica Roma, fondata nel 1890 e praticante dal 1895, il Football Club Roma, istituito nel 1896, lo Sporting Club Roma, nato nel 1897, e la Società Podistica Lazio, costituitasi nell’anno 1900 e dedita al gioco del football dal 1901. A queste vanno aggiunte il Veloce Club Podistico e l’Audace Club Podistico (entrambe coeve della Società Podistica Lazio), nonché la Cristiana e la Società Ginnastica Forza e Coraggio, per le quali l’anno di fondazione è incerto. Fra le società appena menzionate, tuttavia, solo la Società Podistica Lazio e la Società Ginnastica Roma dettero vita ad una sezione calcistica ufficiale, rispettivamente nel 1910 e nel 1921, a cui fecero seguito i settori relativi alle varianti del gioco.
Al di fuori dell’Urbe, infine, l’unico sodalizio antico del Lazio dedicatosi al gioco del calcio, a livello puramente ginnico, fu l’Associazione Ginnastica Forza e Libertà di Rieti, sorta nel 1891 e partecipante al Torneo FGNI 1901.[14]
Le squadre napoletane
La più antica formazione sportiva di Napoli fra quelle praticanti il calcio, sia a livello ginnastico (partecipò al Torneo FGNI 1901), sia nella sua variante a 5, risulta essere la Virtus Partenopea, nata nel 1866. Il football vero e proprio salì all’onore delle cronache campane dal 1896, anno in cui il Campo di Marte, all’epoca sede destinata alle corse dei cavalli nella città partenopea, fu teatro di una partita di calcio fra la squadra del Circolo Italia, club di canottieri e velisti istituito nel 1889, ed una formazione mista degli altri circoli nautici cittadini. Per la fondazione di un club calcistico, però, si è dovuto attendere gli inizi del XX secolo.
Le squadre siciliane
La prima formazione dell’Anglo Panormitan Athletic and Football Club sorto nel 1900Prima dell’inizio del XX secolo il panorama calcistico nazionale si ampliò con le prime società del Meridione. Nel 1900, infatti, nacquero l’Anglo Panormitan Athletic and Football Club ed il Messina Football Club, entrambe siciliane. Gli iniziali approcci al nuovo sport da parte dei palermitani vengono, tuttavia, fatti risalire al 1897, grazie alla mediazione dei marinai inglesi, mentre per i messinesi essi sono attribuiti alla Società Ginnastica Garibaldi, la quale comunque fondò la sua sezione calcio nel 1910.
Le squadre cagliaritane
I primi incontri calcistici in Sardegna dei quali si ha notizia si svolsero a Calangianus, alla fine del XIX secolo, tra operai e tecnici britannici chiamati alla realizzazione di una linea ferroviaria. Il club italico pioniere della nuova disciplina fu, tuttavia, la Società Ginnastica Amsicora di Cagliari, nata nel 1897 ed attualmente impegnata nel futsal. Nonostante non risulti essersi verificata la creazione formale di un settore dedicato, è assodata la partecipazione degli atleti della compagine ad un competizione svoltasi durante l’Expo 1911 a Torino.

(fonte Wikipedia)

14.04.13 Genoa – Sampdoria

Serie A/Genoa-Sampdoria

Ho deciso di utilizzare questo articolo non tanto per raccontare le emozioni di una giornata che in veritá non ne ha offerte ma bensí per esprimere vari pensieri rispetto alla stracittadina. Comincio dicendo che per me il derby non rappresenta la partita della vita, rappresenta solo il modo per cercare di far tacere un pó la parte arrogante e piena di superbia della cittá. Dicano quel che vogliono, dal 1946 hanno un complesso di inferioritá incredibile, complesso che li porta ad essere piú preoccupati di quello che succede a casa nostra che nella loro. Non gli interessano eventuali successi…ma solo le nostre disgrazie…e per dimostrare la loro pochezza basti vedere cos’hanno festeggiato in piazza da un secolo a oggi a parte le nostre sconfitte….un ripescaggio dalla serie C alla serie B. Nonostante questo vivono con una presunzione incredibile, loro hanno inventato tutto…e basta dire che a Frank Sinatra piaceva il pesto per farlo diventare un grande tifoso della loro inutile squadra e suonare “My Way” allo stadio. Parlando chiaro…cosa volete ne sappia Frank Sinatra…non del Genoa….ma del calcio in generale… Detto questo eccoci finalmente al giorno del derby, entro allo stadio e mi godo il loro patetico show dei 120 anni di sudditanza psicologica. Cominciamo con ostentare in tutti i modi una genovesitá con non ho riscontrato nei molti extracomunitari con maglia rossoblu che entravano a Marassi, continuando per il mitico video di 3 minuti che hanno messo e rimesso alla nausea…i loro trionfi….foto in bianco e nero….il goal di Branco nel derby dell’anno dove noi abbiamo vinto lo scudetto…e nulla piú…quando vincevano i diplomi con una partita al mattino e una al pomeriggio non esistevano nemmeno le macchine fotografiche. Poi arriva finalmente lo stile Genoa, col pollo che viene a passeggiare borioso sotto la Sud…continuiamo con le manifestazioni patetiche fino a che tocchiamo il fondo con 3 maschere carnevalesche che fanno il giro di campo con 3 stracci sbiaditi…e udite udite….i “ma se ghe pensu” lasciano spazio in ordine a “You’ll never walk alone” (chi siete il Liverpool?), “God Save The Queen” e “Rule Britannia” mancava “o’ surdato nnammorato” per fare l’enplein. Poi si fa sul serio e la Sud li dipinge come si meritano, come non ammetteranno mai peró questa volta si sono dati la zappa sui piedi da soli. Come pubblicato dal Secolo 4 tifosi del Barça sono stati supplicati di assistere al derby dalla Nord e visto che vivo qua e con uno di loro siamo amici abbiamo passato il sabato sera insieme, hanno cenato a casa mia e siamo usciti a fare serata…(ma non erano gemellati?) il giorno dopo parlando con David il suo commento é che é rimasto impressionato dalla Sud, e da come si sentiva bene dalla Nord…ma non erano loro i migliori tifosi del mondo? Non parlo del campo e dei loro 11 criminali, fatti a immagine e somiglianza del loro genovesissimo presidente. Una nota alla splendida coreografia dei “Figgi do Zena” che hanno raccolto un sacco di soldi e comprato 955 metri di stoffa….con la quale credo si siano fatti le tende tutti loro. Spero possiate tornare a casa, in serie B, e lo spero perché non voglio vedervi mai piú, non siete degni di stare nel nostro stesso stadio…e sicuramente un primato lo avete….riuscite sempre a dire le cazzate piú grandi del mondo. Quindi adesso potete ricominciare a fare la unica cosa che potete fare al nostro cospetto….parole, parole, parole….

Café Salambo

lafoto

El Café Salambó es un restaurante mítico del barrio de Gràcia, en Barcelona. También es un lugar de encuentro de aficionados a la lectura y al cine, un espacio donde a menudo se celebran presentaciones de libros y actuaciones de música en vivo. Su cocina es casera y mediterránea. Los platos que encontrarás en su carta son sencillos, pero es en su sencillez donde hallarás ese detalle que los hace diferentes, únicos. Deliciosas ofertas como el solomillo de ternera a la piedra, el bacalao con salsa de tomate al pimentón o la hamburguesa de la casa son sólo algunos ejemplos de sus deliciosos platos. El Café Salambó es un lugar idóneo para disfrutar de una agradable velada en cualquier época del año, aunque en verano su acogedora terraza resulta ideal para deleitarte con una cena bajo las estrellas.

10.04.13 Barcelona v Paris Saint Germain

lafoto

Serata movimentata al Camp Nou, i parigini non arrivano con intenzioni amichevoli e al passaggio del corteo dei gruppi organizzati la tensione sale alle stelle. Non si verificano contatti ma si lanci di oggetti tra la due fazioni, con i Mossos d’Esquadra che cercano di riportare la calma senza fronteggiare i contendenti. La partita non offre grandi spunti, il PSG ci prova ma la sensazione é di trovarsi davanti a grandi campioni che non sono peró un collettivo. Dall’altra parte risaltano tutti i limiti del Barcelona senza Messi, infatti Leo parte dalla panchina a causa dell’infortunio riportato nella gara di andata. I francesi sono pericolosi in diverse occasioni, il Barça a parte la punizione di Iniesta al primo minuto di gioco non crea pericoli. Nella ripresa, pronti via e marca Pastore….quindi entra in campo Messi e ridá alla squadra quella luciditá che permette di pareggiare (Pedro al minuto 70) e chiudere il conto senza non pochi pericoli soprattutto nel finale. Il Barça approda alle semifinali e domani saprá il nome dell’avversario, tra i tedeschi del Bayern e del Borussia Dortmund o gli eterni rivali del Real.

Amor y letras

Recién soltero, Jesse Fisher (Josh Radnor, ‘Cómo conocí a vuestra madre’), desencantado con su trabajo y en mitad de la treintena, solo piensa en el pasado, en que sus mejores días ya quedaron atrás. Cuando su profesor del colegio favorito le invita a hablar en la universidad en su cena de jubilación, Jesse reacciona. Él está preparado para la nostalgia de los pasillos, los comedores, los partidos, los seminarios de poesía; pero no está preparado para llegada a su vida de Zibby (Elizabeth Olsen, ‘Martha Marcy May Marlene’), una hermosa, precoz estudiante de segundo año, amante de la música clásica. Zibby despierta en él de nuevo la curiosidad, la excitación, los sentimientos largamente soterrados y la posibilidad de conectar con alguien por completo. Algo que Jesse creía que nunca ya más podría encontrar, porque lo había enterrado para siempre. Josh Radnor, después del éxito de su ópera prima, ‘Happythankyoumoreplease’, dirige, escribe y protagoniza esta historia generacional sobre el desencanto vital en la treintena y el despertar de los sentimientos cuando uno menos se lo espera.