Ciao Duccio!

BBKcP0ZCcAALW88

“La Sampdoria é come una ballerina bravissima che si é ammalata. Dobbiamo riportarla a calcare i palcoscenici che era abituata a frequentare”.
Caro Duccio, ti eri presentato cosí, in una calda serata di luglio del 2003, quando dopo un periodo in acque complicate la nostra amata Sampdoria era finalmente giunta in un porto sicuro. La stagione del tuo arrivo si era appena conclusa con una salvezza molto combattuta, tirata coi denti fino a quasi fine campionato. Ma il giorno del raduno l’entusiasmo era alle stelle, Marassi era stracolmo di colori e passione. Ai tempi facevo parte di un gruppo della Sud, e prima del raduno hai voluto ricevere una delegazione di ogni gruppo nei locali della Federclub. Ricordo ancora le tue parole “mi raccomando ragazzi, non lasciatela mai sola”. no caro Duccio, non la lasceremo mai sola, perché l’amiamo come non amiamo altro. Col tuo intervento hai permesso alla “ballerina” intanto di sopravvivere, ci hai regalato emozioni, ci hai portato a Roma, ci hai fatto sentire la musica della Champions League. Peró hai anche sbagliato, cessioni azzardate, forze un pizzico di presunzione in un mondo completamente diverso da quello industriale, ed eccoci un’altra volta nel baratro, tante accuse la piú grave per noi tifosi quella di gestire la squadra senza sentimenti, e per noi che siamo pazzamente innamorati i sentimenti sono tutto! Riconosco la mia arrabbiatura, ma riconosco che la tua famiglia, capitanata da tuo figlio Edoardo é subito scesa in campo mettendoci la faccia, assumendosi le responsabilità, impegnandosi per rimediare all’errore, e lo avete fatto davvero bene. Ti ricorderó disponibile e gentile verso tutti quelli che ti fermavano per la strada, come ricorderó le tue battaglie in lega calcio per ottenere regole piú giuste per tutti. Oggi é un giorno triste, e la pioggia che cade su Genova sembrano le lacrime di una città chiusa, che sa solo mugugnare e dire no a qualunque cosa. Oggi salutiamo un amico che a parte il bene della nostra amata Sampdoria ha fatto molte cose per una città che non so fino a quanto se lo é meritato. Oggi ti salutiamo e ti diciamo di stare tranquillo, non la lasceremo mai sola e tu quando arrivi salutaci tanto Paolo, magari potrai giocare a carte con lui….

Annunci

Pubblicato il 23 gennaio 2013, in Football, Misc con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: